sobota, 30. marec 2013

Stavka pristaniških delavcev v tržaški luki!


Bili smo na stavki pristaniških delavcev v tržaški luki! Delavski boj in solidarnost med delavci (TRST, KOPER, RIJEKA) se nadaljuje.

Hvala za vašo prisotnost na povorki tržaških pristaniških delavcev.
Trst, 29. marec 2013

Sporočilo za javnost
(z zahtevo za objavo)

             Čeprav so se neugodne vremenske razmere in pritiski delodajalcev trudili protest preprečiti, pristaniški delavci vseeno nismo preklicali protestnega pohoda najavljenega ob napovedani stavki imenovani s strani sindikalnih organizacij.
                   Bilo nas je več kot 300 navkljub neusmiljenemu dežju, ki smo se udeležili protestnega pohoda, ki je šel skozi glavne Tržaške ulice. V pogovoru z mimoidočimi smo pojasnjevali naše razloge za stavko in sprejemali solidarnostno podporo. Aktivna solidarnost je bila izražena s prisotnostjo na shodu s strani dveh delegacij in sicer sindikata iz pristanišča Koper, oziroma s strani SŽPD Sindikata žerjavistov pomorskih dejavnosti in S.P.D.S. Unije pristaniških delavcev Slovenije, Konfederacije 90. Prisotni sta bili tudi delegaciji iz železarne v Žavljah in podjetja Sertubi. Sporočilo v podporo sindikatom je prav tako prišlo iz LSS neodvisnega sindikata Luke Rijeka. Vsi si zaslužijo našo zahvalo.
                  Protestna povorka se je končala na trgu združitve Italije (Piazza Unita), kjer je delegacijo sprejel prefekt na prefekturi vikar dr. Argentieri. Srečanja so se udeležili predstavniki sindikata, kakor tudi številni delavci, ki so javnosti preko megafona in v izjavah za novinarje pojasnjevali, zakaj je stavka potrebna in kakšne cilje želijo z njo doseči. Vsi so poudarili potrebo po temeljiti spremembi "Pravilnika za izvajanje dejavnosti in pristaniških storitev", ki bi spremenil način upravljanja trga delovne sile in je eden izmed glavnih problemov v tržaškem pristanišču. Delavci in zlasti 2 RLSS predstavnika za varstvo pri delu zaposlenih, so želeli poudariti, da je minilo samo pet let od delovne nesreče z hudo telesno poškodbo, ki je povzročila trajno invalidnost njihovega bivšega sodelavca. Razpravljalo se je tudi o neskladnostih s predpisi, ki urejajo varstvo zdravja in varnosti pri delu pristaniških delavcev. Po nesreči je prišlo do podpisa pomembnega sporazuma o potrebnem povečanju mer varnosti, ki pa za nekatere, danes niso več aktualne.
                                                                                         Govorilo se je tudi o ljudeh, ki so zaposleni v konzorciju Sopracarichi in tvegajo svoje zdravje in življenja za negotovo delo, ki ga opravljajo le nekaj dni v tednu. Problematika je znana že nekaj časa, zato delavci terjajo končne odgovore in se ne bodo zadovoljili z obljubami o izboljšavah. Prefekt Dr. Argentieri je ponovil zavezo na prefekturi za spodbujanje dialoga med stranema in zagotovil, da bo nemudoma obvestil župana o vsebini današnjega srečanja. Obljuba je bila dana tako protestnikom, da bo prefekt na voljo ponovno čez štirinajst dni, ko namerava 4.aprila s predstavniki delavcev ponoviti srečanje, kjer bodo ugotovili ali gredo prizadevanja v pravo smer. Predstavniki sindikatov so se zahvalili prefektu za dostopnost in spoštovanje odnosa do delavcev in so še enkrat ponovili, da s protestom preprosto prosijo za ustrezno spoštovanje delavskih pravic in pravic ustrezne stopnje varnosti na delovnem mestu.

Izjavo podpisujejo predstavniki sindikatov :
Kneipp Renato
Giulio Marco
Germani Rebez
Bruno Rossetti



originalna verzija :

  FILT-CGIL  FIT-CISL  UILTRASPORTI  UGL MARE
  Trieste, 29 marzo 2013


                       COMUNICATO STAMPA
                  (con richiesta di pubblicazione)

                    Neanche le pressioni datoriali e le avverse condizioni meteorologiche hanno impedito, che i lavoratori portuali portassero a termine la manifestazione indetta in occasione dello sciopero proclamato dalle organizzazioni sindacali di categoria.
                   Oltre trecento sono state le persone che sotto una incessante pioggia hanno attraversato le principali vie cittadine, dialogando con la cittadinanza, spiegando le ragioni della giornata di lotta e ricevendo solidarietà e condivisione.
                   Solidarietà attiva è stata espressa con la presenza nel corteo di due delegazioni sindacali dei lavoratori portuali di Koper-Capodistria, rispettivamente dal S.Z.P.D. Sindacato Sloveno dei Gruisti Portuali e S.P.D.S. Sindacato dei Lavoratori Portuali della Slovenia della Confederazione 90. Presenti erano altresì delle delegazioni della Ferriera e della Sertubi, nonché del Movimento Trieste Libera. Un messaggio a sostegno dell’iniziativa sindacale è arrivata anche dal L.S.S. Sindacato del Porto di Rijeka-Fiume. A tutti questi va il nostro ringraziamento.
                  Il corteo si è concluso in piazza Unità d’Italia, dove una delegazione è stata ricevuta in Prefettura dal Prefetto Vicario il dott. Argentieri.
                  All’incontro hanno partecipato, oltre che i rappresentanti sindacali, diversi lavoratori che hanno potuto in prima persona, illustrare il perché dello sciopero e gli obiettivi che si vorrebbero raggiungere. Tutti hanno con assoluta convinzione sottolineato l’esigenza di una profonda modifica del “ Regolamento per l’esercizio delle operazioni e dei servizi portuali “, che favorirebbe una diversa gestione del mercato del lavoro, che è uno dei principali problemi del Porto triestino.
                   I lavoratori ed in particolare i due RLSS, Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza di Sito, hanno altresì voluto evidenziare, che proprio a distanza di 5 anni dal grave infortunio, che causò gravi menomazioni invalidanti ad un loro collega di lavoro,  si sia costretti a discutere di mancato rispetto delle norme che regolano la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori portuali. E’ stato altresì ricordato, che dopo quel gravissimo infortunio, che comporto diverse giornate di sciopero, si arrivò alla sottoscrizione di un importante Protocollo, che qualcuno ritiene non sia più attuale.

                    Si è anche parlato di chi, come i dipendenti del Consorzio  Commessi e  Sopracarichi, sta rischiando il proprio posto di lavoro e di chi precario lavora solamente alcune giornate alla settimana. Questioni e problemi noti da tempo e sui quali i lavoratori vogliono risposte concrete e non possono più accontentarsi di semplici promesse.
                     Il dott. Argentieri, nel ribadire l’impegno della Prefettura nel favorire il dialogo tra le parti, ha garantito che informerà il Prefetto sui contenuti dell’incontro odierno ed ha in oltre dato la piena disponibilità nel ripetere tra una quindicina di giorni una analoga riunione, per capire se il confronto tra le parti, che avrà un primo momento di verifica il prossimo 04 aprile, sta andando nel verso giusto.
                     I lavoratori e i rappresentanti sindacali hanno ringraziato per la disponibilità e per le parole di rispetto che il dott. Argentieri ha espresso nei confronti dei lavoratori, ricordando che loro stanno semplicemente chiedendo il rispetto dei diritti e di poter lavorare in serenità ed in sicurezza.       

                                                  Per le Segreterie
              Renato Kneipp  Giulio Germani  Marco Rebez  Bruno Rossetti

Ni komentarjev:

Enourna blokada Luke Koper!!!